Urbino Musica Antica 2022

Lisandro Abadie

/// Canto

Periodo: martedì 26 - lunedì 30 luglio

Questo corso si propone di esplorare il dialogo tra poeti e musicisti, in particolare in Francia, Italia, Inghilterra e Germania, ponendo l’accento sullo studio dei singoli cantanti per i quali la musica è stata composta, nella misura in cui è nota la loro identità o quella dei loro coetanei.

Lisandro Abadie
Photo © Pablo Kornfeld

Programma

Analizzeremo le scelte compositive, che seguono o talvolta contraddicono la struttura poetica, o il suo contenuto. In particolare cercheremo di riflettere sulle qualità individuali dei cantanti che hanno ispirato i diversi compositori, così come sulle specificità di alcuni compositori cantanti.

La nostra esplorazione sarà guidata da preziosi commenti di rilevanti teorici e musicisti che hanno operato in tutta Europa dalla fine del XVI secolo al XVIII secolo inoltrato.

Repertorio: a scelta degli studenti.

Audizione con invio di un file audio/video.

Il docente

Lisandro Abadie è nato a Buenos Aires, in Argentina, dove ha iniziato i suoi studi musicali. Si è diplomato alla Schola Cantorum Basiliensis e alla Musikhochschule Luzern. Nel 2006 ha ricevuto l’Edwin Fischer Gedenkpreis.
Ha cantato sotto la direzione di William Christie, Laurence Cummings, Václav Luks, Philippe Herreweghe, Facundo Agudin, Rubén Dubrovsky, Jordi Savall, Paul Agnew, Paul Goodwin, Giovanni Antonini, Fabio Bonizzoni, Skip Sempé, Vincent Dumestre, Simon-Pierre Bestion , Jörg Halubek, Hervé Niquet, Adam Viktora, Geoffroy Jourdain, tra gli altri.
Nel campo dell’opera, il suo vasto repertorio spazia da Monteverdi alla musica contemporanea e comprende in particolare Handel e Viktor Ullmann. Nel 2010 ha creato il ruolo principale dell’opera Cachafaz di Oscar Strasnoy, messa in scena da Benjamin Lazar. Ha collaborato con ensemble come Les Arts Florissants, Collegium 1704, Orchestra of the Age of Enlightenment, Les Talens Lyriques, Le Poème Harmonique, La Tempête, Le Concert Étranger, Ensemble Inégal, La Risonanza.
Tra le sue numerose registrazioni: Musica per la regina Caroline di Händel, Airs sérieux et à boire (Bien que amaour, Si vous vouliez un jour, N’espérez plus mes yeux), Siroe di Händel, l’integrale Monteverdi Madrigals e Vespro, Le passioni di Hayes, Aci, Galatea e Polifemo di Handel, ‘Messe des Morts, Marais’ Sémélé di Gilles, Grands Mottets di Lalande, Der Rose Pilgerfahrt di Schumann, Bach Mirror, The Tempest, e i DVD di La Resurrezione di Handel e Phaëton di Lully.
Dal 2019 Lisandro insegna canto, fonti musicali e letterarie, nel Master of Advanced Studies, AVES (Advanced Vocal Ensemble Studies) presso la Schola Cantorum Basiliensis. È invitato a tenere masterclass con William Christie e Les Arts Florissants, al Mozarteum di Salisburgo, e alle Settimane del Madrigal di Venezia.
Collabora con la liutista Mónica Pustilnik e con il pianista e compositore Paul Suits. Si esibisce regolarmente agli Handel Festivals di Londra, Karlsruhe, Göttingen.
Lisandro è autore di numerose traduzioni e collabora regolarmente come ricercatore drammaturgico con il regista teatrale Benjamin Lazar. La sua ricerca sul manoscritto dell’opera Der Kaiser von Atlantis di Viktor Ullmann si riflette nella recente registrazione per IBS Records.
La sua più recente collaborazione con EarlyMusicSources.com ha portato alla traduzione e all’edizione bilingue degli Scritti pubblicati di Giulio Caccini.
Attualmente sta preparando un libro sul suo attuale tema di ricerca: “vibrato” –oscillazioni, pulsazioni, ondulazioni– come documentato da fonti storiche e registri d’organo in Europa e nel Nuovo Mondo dal XVI secolo.