Programma del corso

Corso rivolto a giovani violinisti che abbiano interesse ad entrare nel mondo della musica antica con attenzione alla gestione dell’arco, del vibrato e delle articolazioni allo scopo di ricercare la comunicativa con un linguaggio espressivo coerente con la esecuzione storicamente informata. Dal concerto in la minore di Vivaldi alle sonate e partite di Bach, dalle sonate di Corelli fino alle sonate e concerti di Haydn e Mozart. Si coinvolgeranno anche gli allievi degli altri corsi per strutturare formazioni cameristiche nell’ottica dello sviluppo della sensibilità alla musica d’insieme.

Il docente – Paolo Piomboni

Roma, Auditorium Parco della Musica 24 01 2017 Ritratti di Paolo Piomboni, violino ©Musacchio & Ianniello

Paolo Piomboni, diplomatosi brillantemente presso il conservatorio “ L. Cherubini ”di Firenze sotto la guida del M° Cristiano Rossi, dopo essere stato premiato in vari concorsi nazionali ed essere risultato idoneo all’audizione presso l’ ORT Orchestra della Toscana, nel 1990 ha vinto il concorso internazionale bandito dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, nella cui Orchestra Sinfonica presta tuttora servizio come primo violino di fila. Ha suonato sotto le più importanti bacchette del nostro tempo: Leonard Bernstein, Georges Pretre, Wolfgang Sawallisch, Lorin Maazel, Kurt Masur, Christian Thielemann, e i direttori stabili dell’ Orchestra: da Giuseppe Sinopoli a Daniele Gatti, da Myung Whun Chung all’ attuale M° Sir Antonio Pappano, con cui ha effettuato tournées in tutto il mondo e inciso numerosi CD pluripremiati.

Nel 2005 ha fondato, insieme Paolo Pollastri, primo oboe solista dell’ Orchestra dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia, “L’ Accademia Barocca di Santa Cecilia”, di cui è primo violino solista fin dalla fondazione. L’ensemble, costituito da elementi dell’Orchestra Sinfonica che si dedicano all’esecuzione storicamente informata su strumenti originali, è ospite abituale della stagione da camera dell’Accademia. In ambito barocco ha lavorato con Ton Koopman, Frans Brüggen, Fabio Biondi e soprattutto con Federico Maria Sardelli, con cui è tuttora in atto una fruttuosa e pluriennale collaborazione.

Si dedica con entusiasmo e passione anche all’ insegnamento: numerosi suoi allievi sono stati premiati in concorsi nazionali e internazionali, e cura con particolare dedizione la preparazione tecnica della juniorchestra, l’orchestra giovanile dell’Accademia.

Tra i suoi interessi c’è anche il teatro: in qualità di attore-violinista ha messo in scena svariati spettacoli su testi di Daniele Ciccolini, violinista e drammaturgo, collaborando con attori come Stefano Antonucci, Massimo Foschi, Max Malatesta e Pietro de Silva, e registi come Roberto Braida e Pierpaolo Sepe.