Fima-online utilizza i cookies per realizzare i servizi e fornire le informazioni ai suoi utenti. Se continui ad usare questo sito accetti implicitamente di utilizzare i cookie.

Lia Serafini

lia-serafiniSoprano, ha oggi al suo attivo 25 anni di brillante attività concertistica, particolarmente nell’ambito della Musica rinascimentale e barocca. 

Voce agile ed espressiva, nella sua lunga carriera di solista è stata diretta da musicisti di grande prestigio che hanno improntato di sé la rinascita e la valorizzazione della musica antica. Attualmente collabora con il Maestro catalano Jordi Savall, con il “Concerto Italiano” di Rinaldo Alessandrini, con il “Concerto Romano” di Alessandro Quarta e con la cembalista Paola Erdas.

E’ stata ospite dei più importanti Festival internazionali in Europa, Stati Uniti e Canada. Tra le sedi più recenti: Citè de la Musique e Salle Pleyel a Parigi, Festival Oudemuziek a Utrecht, Festival d’Ambronay, Wiener Konzerthaus a Vienna, KKL Lucerne e Rose Theater del Lincoln Center a New York.

La sua versatile attività l’ha vista protagonista al Teatro Olimpico di Vicenza di un vasto ciclo di opere di G.F.Haendel, e interprete di ruoli principali in opere di C. Monteverdi, J. Peri, G. Legrenzi, C.W. Gluck, B. Galuppi, spesso seguiti da incisioni discografiche. È inoltre interprete esperta di Oratorio barocco e di Musica vocale da camera. Vanta numerose partecipazioni in registrazioni radiofoniche e televisive, e una vasta discografia. Tra le ultime incisioni ricordiamo:

  • per Arcana la collaborazione al premiatissimo CD di Paola Erdas “La Tecla de L’Alma”,
  • per Naïve gli ultimi CD di Rinaldo Alessandrini con il “Concerto Italiano”;
  • per AliaVox e TV3 il triplo CD-book “Història Borja” diretto da Jordi Savall, vincitore del “Grammy Awards” nella categoria: “Best Small Ensemble Performance”;
  • per Naxos il doppio CD con tutti i brani editi e inediti di H. Villa-Lobos, in duo col giovane chitarrista Andrea Bissoli.

Ha inoltre partecipato al documentario con la musica di D. Ortiz “Un Canto Lontano”, vincitore della 65° Mostra alla Biennale di Venezia.

Da sempre appassionata di didattica, si sta distinguendo per l’alto livello dei suoi allievi. Il suo metodo di insegnamento, senza discostarsi dalla tradizione, integra principi di coordinazione, equilibrio ed armonia del respiro secondo la Tecnica messa a punto da F. M. Alexander, della quale è insegnante diplomata. Viene spesso invitata a tenere Masterclass presso prestigiose istituzioni e a far parte di commissioni in Concorsi nazionali ed internazionali.

Insegna Canto rinascimentale e barocco presso il Conservatorio “F. Bonporti” di Trento.