Fima-online utilizza i cookies per realizzare i servizi e fornire le informazioni ai suoi utenti. Se continui ad usare questo sito accetti implicitamente di utilizzare i cookie.

Tastiere


torna alla lista dei corsi

Clavicembalo

Corso Principale: 20>29 luglio 9.00-13.00
 
Livello: Base, Intermedio, Avanzato
 
Programma:

Il corso è rivolto sia a principianti che a studenti di livello avanzato, e si propone come introduzione e approfondimento delle principali problematiche tecniche, stilistiche ed interpretative del repertorio clavicembalistico.

Verranno affrontati i seguenti aspetti:

  • coscienza e controllo del suono, con riferimento ai vari tocchi legati e staccati.
  • analisi di eventuali problemi tecnici ed elaborazione di esercizi atti a superarli. A questo scopo si consiglia ai partecipanti di portare con sé alcuni fogli di carta pentagrammata;
  • articolazione, fraseggio, accentuazione;
  • ornamentazione ed eventualmente elaborazione di fioriture e variazioni per le ripetizioni;
  • analisi formale, stilistica e retorica;
  • individuazione dell'ambito espressivo di ciascun brano e delle diverse possibilità di interpretazione;
  • agogica;
  • criteri interpretativi.

Verrà approfondita in particolare la prassi esecutiva dei Préludes non mésurés francesi, ma si consiglia ai frequentanti di preparare brani di scuole nazionali e periodi differenziati, in modo da affrontare quanti più argomenti possibile.

I principianti potranno presentare un repertorio libero.

 

torna alla lista dei corsi

Basso Continuo

Corso Principale: 20>29 luglio 9.00-13.00
 
Livello: Base e Intermedio-Avanzato
 
Programma:

Classe al completo, per ulteriori informazioni rivolgersi alla segreteria.

Il corso sarà strutturato in due livelli:

  • iniziale
  • intermedio/avanzato

Ciascun iscritto potrà partecipare come uditore al gruppo diverso dal proprio.

Livello iniziale:
Lavoro su alcuni aspetti fondamentali della tecnica continuistica:

  • condotta delle voci con numerica riferita all’accordo perfetto, ai relativi rivolti e, entro la fine del percorso, alla settima con relativi rivolti;
  • brevi esercizi di improvvisazione su bassi dati con moduli facili;
  • utilizzo di numero differenziato di voci e nuances interpretative, di semplice livello di difficoltà, contestualizzate stilisticamente a seconda del periodo trattato;
  • parti semplici di sonate per uno o due bassi continui;
  • cenni storici sulla genesi della «Regola dell’ottava» e applicazioni contestualizzate stilisticamente in campo pratico.

Livello intermedio/avanzato:

  • condotta delle voci su corali con numerazione di medio/alta difficoltà;
  • musica strumentale da camera;
  • bassi continui senza numeri (solo per il livello avanzato); armonizzazione di un canto dato (solo per il livello avanzato);
  • trasporto di bassi numerati di semplice/media difficoltà.

Gli iscritti potranno utilizzare anche brani musicali del loro repertorio o previsti nei gruppi di musica da camera dei corsi di Urbino; è prevista la collaborazione di strumentisti e/o cantanti per lavorare sui brani scelti.
Verranno assegnati ai partecipanti (di tutti i livelli) brani del sec XVII e XVIII ad uso didattico.
Dal giorno 26 al 28 luglio verrà svolto un seminario specifico di due ore al giorno dedicato al repertorio con il continuo organistico (Mottetti e Sonate da chiesa).

Metodi e testi musicali consigliati, in ordine crescente di difficoltà:

  • L. BOURMAYAN & J. FRISCH Méthode pour apprendere la pratique de la Basse Continue à l’usage des amateurs, ed. du Cornet *
  • ERICH WOLF Generalbassübungen, ed. Breiktopf 6620 *
  • J. B. CHRISTENSEN Fondamenti di prassi del basso continuo nel XVIII secolo, ed. Ut Orpheus *
  • N. PASQUALI Thorough-Bass made easy (fac-simile), Oxford University Press *
  • R. O. MORRIS Figured Harmony at the Keyboard, part 2, Oxford University Press **.
  • G. MUFFAT Regulae Concentuum Partiturae **
  • B. PASQUINI Sonate per basso continuo. Si consiglia il vol. VI dell’Opera Omnia per tastiera (London, Bl Ms. Add. 31501, I) a cura di Edoardo Bellotti, ed. Il Levante **
  • J. S. BACH Sonate per violino e basso continuo BWV 1021 e BWV 1023 ***

* tutti i livelli
** livello intermedio/avanzato
*** livello avanzato

 

torna alla lista dei corsi

Fortepiano

Corso Principale: 23>29 luglio 9.00-13.00
 
Docente: Carmen Leoni
Livello: Base, Intermedio, Avanzato
 
Programma:

Il corso di clavicordo e fortepiano si rivolge a clavicembalisti, pianisti e organisti che desiderino approfondire tematiche inerenti la prassi esecutiva del repertorio tardo settecentesco, con particolare riferimento alla musica di C.P. E Bach, Haydn, Mozart e del primo Beethoven.
L’attenzione sarà anche focalizzata sulle opere di quei compositori che, ispirati dalla corrente culturale dello Sturm und Drang, consideravano il clavicordo come lo strumento ideale per esprimere i pensieri musicali più profondi e intimi.
Il corso è aperto sia a chi ha già esperienza con le tastiere storiche, sia a chi vuole avvicinarsi alla particolare realtà di un esecuzione filologicamente informata.
Oltre alle lezioni individuali, è prevista un’intensa attività di musica da camera che verrà svolta in collaborazione con la classe di Lorenzo Coppola e con gli altri insegnanti del corso, finalizzata alla realizzazione di concerti degli allievi.
A seguire si suggerisce un elenco indicativo di brani di studio. Tale elenco può essere integrato o modificato su proposta degli allievi.

Repertorio suggerito per clavicordo:

  • J.S. Bach: Invenzioni a due e tre voci, Toccate, Fantasia Cromatica, brani di libera scelta purchè in tonalità vicine a do maggiore per chi non ha mai suonato il clavicordo.
  • C.P.E. Bach: brani dalle sei raccolte di sonate, libere fantasie e rondo
  • W. F. Bach: Sonate, Fantasie e Polonesi
  • J. Haydn: Sonate scritte dal 1767 al 1774 , in particolar modo la Hob. XVI/20 in do minore, XVI/44 in sol minore, XVI/46 in la bemolle maggiore.
  • J, W, Hassler: Sonate
  • W. A. Mozart: Fantasie in re minore e in do minore

Repertorio suggerito per fortepiano:

  • Letteratura del tardo settecento di autori come C.P. E Bach, W. F. Bach, J. Ch. Bach, J. Haydn, W.A. Mozart, M . Clementi.

Repertorio suggerito di musica da camera col fortepiano:

  • Sonate di Jean – Xavier Lefèvre per clarinetto e basso continuo
  • Sonate di F. A. Hoffmeister e J. B. Vanhal per clarinetto e fortepiano
  • Trio in si bemolle maggiore op. 11 di Beethoven, per clarinetto, cello e fortepiano
  • C. P. E. Bach: sei movimenti di sonata per clarinetto, fagotto e fortepiano
  • W. A. Mozart: trio, in mi bemolle maggiore K. 498, per clarinetto viola e fortepiano
  • Quintetti di Mozart e Beethoven per fortepiano e fiati
  • Trii di Haydn per violino, violoncello e fortepiano, o flauto, violoncello e fortepiano
  • Quartetti di Mozart per archi e fortepiano

Interventi seminariali:
durante il corso sono previsti 3 interventi di tipo seminariale:

  • Storia del clavicordo e la sua evoluzione dal punto di vista organologico
  • Temperamenti storici e l’accordatura per tastiera nel tardo settecento
  • Repertorio del tardo settecento: cembalo o fortepiano?

Strumenti:
Per lo svolgimento delle lezioni e lo studio individuale saranno a disposizione i seguenti strumenti:

  • Clavicordo modello sassone, estensione cinque ottave, libero, realizzato da Joris Potvlieghe (Be).
  • Fortepiano copia da Walter und Sohn (Vienna 1805, ca), estensione 5 ottave e mezza, fa-do; risonanza e moderatore a ginocchiera; diapason: la 430 Hz, realizzato da un equipe di costruttori e restauratori: J. W. Byron, A. Cernin e N. Zeilberger.