il-canto-dellultima-musa-elisarion
Il Canto dell’Ultima Musa

Funzioni e Finzioni della Musica nel Cinema

A cura di Giovanni Cappiello

Domenica 16 Febbraio 2014, ore 15,00
Centro culturale e museo Elisarion - Via Rinaldo Simen 3 - CH-6648 Minusio

Fondazione Italiana per la Musica Antica
in collaborazione con
Centro Culturale Elisarion, Minusio (CH)
Baroque in Rome

L’immagine del pianista in penombra sotto lo schermo, impegnato ad improvvisare l’accompagnamento di un film muto, ci ricorda come il cinema abbia da sempre considerato la musica un elemento essenziale del suo racconto. Eppure, anche se riuscito, il matrimonio tra suono e immagine resta quello di una strana coppia. Diversissime sono le modalità di percezione dei fenomeni sonori e visivi, differenze che si specchiano e si fondano su strutture sensoriali per molti aspetti incomparabili. Ma proprio da queste asimmetrie la Settima Arte ha saputo ricavare elementi funzionali ai propri meccanismi narrativi, realizzando l’affascinante «imbroglio» di cui parlava Marguerite Duras.
Nel corso dell'incontro saranno illustrate le molteplici funzioni che la colonna sonora assume nella narrazione cinematografica, rafforzando, commentando e a volte contraddicendo quanto le immagini vanno raccontando sullo schermo. La prima parte sarà dedicata a quella che tecnicamente viene chiamata "musica da schermo", vale a dire la musica che appartiene alla narrazione ed è ascoltata, oltre che dagli spettatori, dagli stessi personaggi del film. Nella seconda parte ci si occuperà della cosiddetta "musica da buca", quella che si sovrappone alle immagini e le illustra o commenta le azioni insieme al pubblico.

Centro culturale e museo Elisarion - Via Rinaldo Simen 3 - CH-6648 Minusio
tel. +41 (0)91 743 66 71 - fax +41 (0)91 743 66 03
www.minusio.ch - This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Giovanni Cappiello
Ha i suoi primi contatti con la musica intorno alla metà degli anni Settanta, quando intraprende gli studi di chitarra classica. L’interesse per la musica antica e per l’esecuzione secondo la prassi d’epoca lo ha portato a dedicarsi allo studio del liuto, che affronta sotto la guida del maestro Andrea Damiani. Per circa dieci anni svolge attività di recensore e critico musicale in collaborazione con le riviste “CD Classica”, “Orfeo”, “Compact Disc Classics”, con la rivista telematica su Internet “ClassicaInRete”.
Attualmente cura la redazione de “Il Ganassi”, bollettino della Fondazione Italiana per La Musica Antica di Roma. Per la stessa Fondazione - del cui direttivo entra a far parte nel 2010 – è responsabile del sito e delle attività su web. Dal 2010 gestisce anche «Eptachordon», una rivista on-line di musica antica. Attivo da vari anni sul fronte della divulgazione musicale, cura seminari e guide all'ascolto di opere di musica classica presso varie associazioni romane. Nel 2008 compone le musiche di scena per la performance del mimo Armando Profumi in occasione della celebrazione a Campo de’ Fiori dell’anniversario della nascita di Giordano Bruno. A fine 2011 è tra i fondatori di «Baroque in Rome», progetto per la realizzazione di eventi culturali basati sull'esplorazione dei rapporti tra la musica e le altre manifestazioni artistiche nel nostro passato. Recentemente è stato pubblicato presso la casa editrice Nuova Cultura un suo lavoro sulle relazioni tra la Cattedrale di Firenze e le musiche eseguite durante la cerimonia della sua consacrazione nel 1436.

Contatti