Fima-Online uses cookies to implement the services and provide the information to readers. If you continue to use this website you implicitly agree to use cookies.

Winds

 


back to courses list

Recorder

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Theacher: Stefano Bragetti
Level: Intermediate-Advanced
 
Program:
In preparation
 

back to courses list

Recorder

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Level: Intermediate-Advanced
 
Program:
In preparation
 

back to courses list

Recorder

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Theacher: Han Tol
Level: Advanced
 
Program:

Nuove sonate antiche per flauto/ New old sonatas for the recorder
Recently discovered collections of highly virtuosic and interesting baroque sonatas by old masters:

- Ignazio Sieber: 6 Sonate per Flauto e basso (IMSLP)
- Andreas Heinrich Schulze: VI Sonaten für Blockflöte und Basso Continuo (edition Baroque eba1130)
- J.Chr. Schickhardt: Sonate per Flauto, Opus I, Amsterdam Roger (IMSLP)
- Sonatas from the Babell Collection (download: https://urresearch.rochester.edu/institutionalPublicationPublicView.action?institutionalItemId=14744)

Gli allievi possono portare anche un repertorio a scelta

 

back to courses list

Traversiere

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Theacher: Marcello Gatti
Level: Intermediate-Advanced
 
Program:
In preparation
 

back to courses list

Baroque Oboe

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Level: Intermediate-Advanced
 
Program:
Prepare at least two complete sonatas in different styles, such as by Handel and Hotteterre. Other scores of chamber music with oboe obbligato are welcome.
Students must have with them the material for the construction of the reeds.
The course takes place mainly with A = 415 Hz. Is possible to have lessons with the oboe with the classic A = 430Hz.
 

back to courses list

Baroque Clarinet

Main Course: July 23>29 9.00am-1.00pm
 
Level: Intermediate-Advanced
 
Program:

Introduzione
Quel che propongo, attraverso lo studio del clarinetto antico, è un percorso di conoscenza di un sistema musicale attraverso le problematiche relative all’esecuzione delle opere che in quel sistema, da noi ormai lontano, hanno visto la luce. Inoltre, cio’ che personalmente più mi anima e che ritengo utile trasmettere, è l’interesse per una ricerca più ampia possibile sul fare musica.
Dalla conoscenza organologica e acustica di uno strumento antico deriva una serie di acquisizioni riguardo intonazione, diapason e temperamento, oltre ad una estetica del fraseggio e del suono proprie allo stile in questione.
Ad esempio all’omogeneità della gamma di uno strumento non veniva generalmente dato un valore estetico assoluto. Anzi, i compositori facevano spesso un uso espressivo delle note più « sorde » dello strumento.
Né poteva essere altrimenti : il limite, accettato e sfruttato a fini espressivi, è spesso essenziale a chiarire l’intenzione dell’autore.
Dalla conoscenza delle fonti (trattati, metodi, epistolari, resoconti di concerti) derivano preziose informazioni circa i canoni stilistici allora operanti nello stile esecutivo.
Alla tradizionale idea dello strumento a fiato imitatore della voce umana, si aggiunge nel periodo classico la necessità di rendere particolarmente intellegibile l’articolazione del discorso musicale, sempre più modellato sull’esempio di quello parlato. La chiarezza dell’articolazione ad ogni livello del discorso (inciso, frase, periodo) diventa l’elemento indispensabile nell’interpretazione di un brano.
Gli strumenti antichi consentono un’articolazione naturalmente chiara e leggera. Conoscerli ed ascoltarli potrebbe essere peraltro un valido aiuto per chi volesse arricchire il proprio modo di fraseggiare sullo strumento moderno.

Panorama generale degli argomenti

Approfondire la conoscenza di uno stile musicale - nel caso del clarinetto antico quello tardo barocco e soprattutto quello classico - partendo dalle sonorità degli strumenti che quello stile hanno contribuito a formare, attraverso un percorso didattico che illustri contemporaneamente la prospettiva storica, i problemi tecnici e organologici, e l’interpretazione con criteri storici.

Dettaglio :

  • La storia degli strumenti ad ancia semplice dalle origini fino alla metà XIX secolo, inserita nel contesto storico e nella vita culturale dell’epoca.
  • Costruttori di strumenti, virtuosi e compositori : relazioni e reciproche influenze.
  • L’evoluzione tecnico-esecutiva (becchi e posizione dell’ancia, articolazione, numero delle chiavi, diteggiature) comparata anche a quella degli altri strumenti.
  • Autosufficienza nella cura e riparazione del proprio strumento.
  • Tecnica : l’approccio alle ance semplici storiche, respirazione, imboccatura, flessibilità nel controllo dell’intonazione e dell’articolazione.
  • Articolazione di labbro, gola , petto, diaframma, lingua.
  • Diverse articolazioni di lingua.
  • Notazione musicale delle diverse epoche : apprendere a decifrare e creare la propria edizione di un manoscritto.
  • Studio del repertorio : manoscritti, prime edizioni, reperibilità di testi affidabili.
  • Analisi dei molteplici diapason (da chiesa, da camera, ecc.) e loro variazioni storiche e geografiche : ciò che lo strumento d’epoca può dirci in proposito.
  • Sistemi di intonazione : panorama storico dei temperamenti (pitagorico, mesotonico, sistemi « ben temperati », equabile), la serie degli armonici e l’intonazione naturale.
  • Lettura, analisi e comparazione delle fonti : metodi, trattati, repertorio, testimonianze storiche, articoli e saggi.
  • Approfondimento della notazione musicale del XVIII/XIX secolo attraverso l’analisi dei più significativi trattati : teoria musicale, abbellimenti, metrica, inegalité, articolazioni, agogiche, dinamiche, fraseggio.
  • Interpretazione : lo strumento originale come aiuto alla comprensione del testo musicale.
  • Dallo stile barocco allo stile classico: verso una drammaturgia musicale senza parole.
  • Analisi formale e armonica delle composizioni classiche.
  • Analisi delle influenze reciproche fra stile, tecniche di esecuzione e evoluzione degli strumenti.
  • Le scuole nazionali.
  • Abbellimenti e ornamentazione in accordo con le esigenze formali dello stile in questione.
  • Elaborazione di cadenze e eingänge.
 

back to courses list

Baroque Bassoon and Dulcian

Main Course: July 20>29 9.00am-1.00pm
 
Theacher: Elena Bianchi
Level: Basic, Intermediate, Advanced
 
Program:

The bassoon and dulcian course is open to beginners who what to start the study of the early bassoon and to more advanced students who want to study technical and style aspects and explore baroque bassoon solo repertoire.

The students are invited to prepare the pieces they intend to work on, also considering the opportunity to play ensemble pieces with obbligato bassoon during the course. They should also bring tools ad cane for a reed making workshop.

 

back to courses list

Horn

Main Course: July 23>29 9.00am-1.00pm
 
Theacher: Elisa Bognetti
Level: Basic, Intermediate, Advanced
 
Program:

Il corso è rivolto a cornisti di ogni livello interessati ad un primo approccio al corno naturale (barocco e classico) così come a studenti e giovani professionisti già avviati allo studio di questi strumenti che vogliano approfondirne il repertorio solistico, da camera e d'orchestra.

Il corso verterà sulla storia dello strumento e la sua evoluzione tecnica che si sviluppa di pari passo all'evoluzione musicale: partendo dai trattati storici e dai metodi scritti dai cornisti dell'epoca si arriverà, attraverso l'apprendimento della prassi musicale e l'aquisizione della tecnica adeguata, ad un approccio consapevole all'interpretazione del repertorio barocco, classico e del primo romanticismo con particolare attenzione ai concerti di Vivaldi e Telemann, Concerto Brandeburghese e cantate di Bach, concerti e sinfonie di Haydn, concerti e musica da camera di Mozart, la sonata di Beethoven e tutto il suo repertorio orchestrale, il lied "Auf dem Strom" di Schubert, il trio per corno, violino e fortepiano di Brahms e le sue sinfonie.

Il docente metterà a disposizione un suo corno naturale classico per permettere ai principianti di avere un approccio diretto con lo strumento.